BIKE YUKON RIVER 2019

Jasper-National-Park-Alberta-Canada

Bike Yukon River: via alla nuova sfida

16ma spedizione per Stefano Farronato: il 26 giugno 2019 volerà in Canada, pronto per una nuova sfida!

Torna nello Yukon dopo un anno e mezzo dalle  “22 ore di fredda follia“, quando a febbraio del 2018 aveva affrontato la Yukon Artic Ultra, la più estrema competizione del mondo, a -50 gradi. «Ventidue ore di sopravvivenza pura», come l’ha definita lui stesso.

La-lunga-notte-boreale51739628_1884674028307682_6832864544948224000_n
Dei 22 protagonisti partiti, nessuno ha portato a termine la sfida. L’unico altro italiano, il sardo Roberto Zanda, per tre giorni in più di gara, ha perso mani e piedi, a causa delle temperature proibitive.

Questa volta la sua impresa lo vedrà protagonista di un viaggio in solitaria lungo il fiume Yukon.

420 km in circa 9 giorni di canoa canadese e 550 km in 8 giorni di bicicletta: questo il suo nuovo obiettivo.

Stefano ha deciso di scendere il fiume Yukon in canoa partendo da Whitehorse, cittadina canadese situata al Miglio storico 918 dell’Alaska Eleven Highway – già attraversata dal nostro avventuriero nel 2016 in bicicletta, mezzo che utilizzerà al ritorno. Zaino, tenda, sacco a pelo, abbigliamento per canoa e per bici, cibo liofilizzato – anche se conterà di mangiare tanti salmoni come gli orsi – Go-Pro e smartphone: pochi accessori, ma essenziali per portare a termine e documentare l’impresa.

Un viaggio alla scoperta di un mondo tutto nuovo: il fiume.

Nove giorni immersi in una natura totalmente selvaggia con la quale dovrà interagire e confrontarsi.
Nella prima parte del percorso,  dovrà convivere con orsi grizzly, alci, animali selvatici e insetti di ogni tipo, in uno dei fiumi più famosi al mondo, celebre per la storica corsa all’oro.

“E’ il mio secondo viaggio sull’acqua – spiega Stefano – ma è la prima volta che mi misuro con il fiume in canoa. Sarà un mondo nuovo da esplorare!”


“Quello che più mi attrae di questo progetto è che percorrerò sia la via della natura sia quella urbana e di fatto ripercorrerò nuovamente il tragitto della Yukon Artic Ultra. Questa volta conto di riuscire a percorrere almeno 70/80 km al giorno: spero che la corrente sia a favore.”

Stefano non è nuovo a simili imprese. Appassionato di montagna, trekking, free climbing, alpinismo, sci, trail running, rafting e parapendio, ha all’attivo ben 15 spedizioni: dal 2000 al 2018, ha infatti attraversato Nepal, Patagonia, Islanda, Ecuador, Mongolia, Groenlandia, Pamir, Isole Svalbard, Alaska e Canada.

“Sarà come ritornare indietro nel tempo, agli anni della corsa dell’oro – racconta Stefano – assaporando i racconti di un avventuriero autentico come Walter Bonatti, un grande alpinista ed esploratore bergamasco.”

 

“Sono entusiasta di questa nuova sfida
e non vedo l’ora di poter condividere il fiume
con salmoni ed orsi….

insomma adrenalina pura
Julé!

 

01447_banffnationalparkcanadianpacificrailway_

 

Tutte le immagini che Stefano raccoglierà verranno in seguito condivise in una serata aperta al pubblico, dove racconterà questa ultima avventura.

Guarda il documentario “Eleven Alaska Highway”
sull’avventura in Alaska nel 2016

 

 

 

 

PRONTO PER LA YUKON ARCTIC ULTRA 2018!

UNA FREDDA FOLLIA
una gara…un’impresa… a meno 45 gradi !!!
Questa è la Yukon Artic Ultra Marathon
che ho deciso di affrontare in questo 2018
(partenza 1° Febbraio).
Una gara in un territorio estremo,
dove i dettagli faranno la differenza …
12645062_10207279556018672_3618332722935694034_n
Non ci saranno nè VINCITORI nè VINTI…
importante è arrivare,
rapiti da un territorio straordinario,
dove il bianco della neve riscalda il cuore….
JULE’!
La-lunga-notte-boreale
La YUKON ARCTIC ULTRA MARATHON si sviluppa per 100, 300 o 430 miglia; quella più lunga si può effettuare secondo una delle tre discipline previste: mountain biking, sci di fondo o a piedi.
La Yukon Arctic Ultra vuole essere la gara più estrema al mondo, ove le temperature possono scendere fino a -50 °C,  con in più l’effetto del vento. La gara fu fondata nel 2003 e si è tenuta ogni anno tranne che nel 2010.

aetphoca_thumb_l__mg_3068Io la affronterò a piedi, per 483 km trainando una slitta ( PULKA) con il necessario per sopravvivere per i 9 giorni durante la gara: cibo, gas, bivacco etc.

1486032303-50587200

La gara partirà il 1 Febbraio 2018 alle 10,30 locali e potrò essere seguita nel sito web ufficiale: ogni atleta (siamo solo in 20 da tutto il mondo!!) indosserà un gps di localizzazione, che potrai seguire nel sito: numero di pettorale 317!

qui il sito:

http://www.arcticultra.de/en/

 

DOCUMENTARIO ELEVEN ALASKA HIGHWAY

Dall’avventura di Stefano in Alaska è stato tratto un documentario, regia di Pai Dusi.

Qui trovate il trailer: la prima è stata al Centro Culturale CRETA di Bassano del Grappa, una serata affollatissima, accompagnati dai racconti di Stefano…

 

 

e infine ecco on line il Documentario,”ELEVEN ALASKA HIGHWAY – A BIKE RIDE INTO THE WILD”, regia Pai Dusi, con Stefano Farronato,  durata 30 min…buona visione!

 

“ELEVEN ALASKA HIGHWAY – A BIKE RIDE INTO THE WILD”, regia Pai Dusi, con Stefano Farronato.

Alaska Eleven Highway, 666 km nel cuore dell’Alaska in sella ad una bici – in solitaria lungo la Dalton Route (11a Highway), una delle strade più pericolose al mondo – è la nuova sfida che vede protagonista Stefano Farronato, treeclimber e appassionato viaggiatore. Appunti di viaggio, riflessioni e panorami incredibili dal cuore più selvaggio dell’Alaska.

Eleven Alaska Highway
Genere: documentario
Regia e montaggio: Pai Dusi
Soggetto: Pai Dusi & Stefano Farronato
Riprese Alaska: Stefano Farronato, realizzate con Go Pro 3+ e smartphone.
Interviste Italia: Pai Dusi
Postproduzione: Platform Z
Italia – Alaska 2016, HD 30 min
prodotto da: Studio Aforest
Il doumentario è uscito in anteprima a puntate sul blog di viaggio:

ALASKA ELEVEN HIGHWAY – L’AVVENTURA


© Pai Dusi / Stefano Farronato

 

per info, serate e proiezioni contattateci!

 

JULE’!

Stefano è tornato.
Il viaggio è stato avventuroso e faticoso, pieno di imprevisti e peripezie…ma affascinante, intenso.
Vento, fango, pioggia, strade impraticabili.. e i terribili mosquitos.
Il tutto sotto l’orizzonte infinito del cielo dell’Alaska e paesaggi spettacolari.

Vi aspettiamo dopo l’estate, assieme a Stefano, per il racconto di questa piccola, grande Avventura.

Stay tuned!
o meglio..

JULE’!!!

 

PASSAGGI

Passaggi, momenti dell’esistenza individuale che portano ad una crescita interiore..

Stefano racconta di come ogni giorno sia una sfida se lo sai vivere nel modo giusto e di come queste avventure fatte nel mondo lo abbiano ogni volta un po’ cambiato…

LA SFIDA

L’adrenalina è “vivere con il fiato corto”…

Stefano Farronato racconta i motivi che lo spingono all’avventura che sta per compiere: la sfida, il bisogno giornaliero di adrenalina che fa parte anche del suo lavoro, il voler “vivere con il fiato corto”, il confronto con sè stessi per porsi ogni volta oltre al limite…e scoprire nuove parti di sè…

IMMAGINI